lunedì 3 dicembre 2012

CROSTATA AL CACAO CON RIPIENO DI PRUGNE



Se in autunno tu venissi da me
caccerei l’estate
un po’ sorridente – un po’ irritata -
come la massaia scaccia una mosca.
Se potessi rivederti tra un anno
farei tanti gomitoli dei mesi -
li metterei in cassetti separati
per paura che i numeri si confondano.
Se l’attesa fosse soltanto di secoli
li conterei sulla mano
sottraendo finché non mi cadessero
le dita nel paese di Van Dieman.
E se fossi certa che finita questa vita
la mia e la tua continueranno a vivere
getterei la mia come una buccia
e sceglierei con te l’eternità.
Ma ora – incerta sulla durata del tempo -
che ci separa, la cosa m’inquieta,
come l’ape folletto,
che non avverte quando pungerà.

"Se in autunno tu venissi da me” di Emily Dickinson

INGREDIENTI

PER LA FROLLA

230 g di farina 00 bio
90 g di zucchero di canna bio
1 tuorlo
1 uovo
160 g di burro salato
13 g di cacao amaro
5 g di cacao dolce
Un pizzico di cannella
Sale q.b.

PER LA COTTURA IN BIANCO

300 g di fagioli o ceci secchi

PER LA FARCITURA

420 g di prugne secche d’Angen
35 g di noci
30 g di mandorle senza pellicola

PROCEDIMENTO

Versate in una capiente terrina la farina setacciata, formate un buco nel centro e versateci tutti gli ingredienti: lo zucchero, il tuorlo, l’uovo intero, il burro a pezzi, il sale, i due tipi di cacao e la cannella. Lavorate bene l’impasto dapprima nella ciotola, di seguito sul piano di lavoro infarinato. Dovrà risultare un impasto omogeneo.

Formate un panetto e ricopritelo con la pellicola trasparente per alimenti e ponetelo in frigorifero per 30 minuti.

Preparate la farcitura così: versate le prugne secche denocciolate in un pentolino antiaderente con acqua e cuocete a fuoco molto dolce per 20 minuti. Se necessario aggiungete ancora acqua durante la cottura. Mescolate di quando in quando.

Tritate al mixer noci e mandorle e sistematele in una ciotola abbastanza capace.
Quando le prugne si saranno raffreddate passatene ¾ al mixer ottenendo un composto molto liscio, il restante quarto verrà tritato grossolanamente. Unite le prugne alla frutta secca, mescolate e mettete da parte.

Trascorsi i 30 minuti (anche 40 vanno bene) togliete il panetto dal frigo, spolverizzate una superficie di farina e stendete la frolla. Ho avanzato parte del composto per ritagliare dei biscottini da apporre sulla superficie.

Ungete con il burro uno stampo per crostate (io ne ho utilizzato uno antiaderente dal diametro di 27 cm e con il fondo estraibile) spolverizzate con farina e plasmateci la frolla. Bucherellate il fondo dello stampo con i rebbi di una forchetta; sistemate al suo interno un foglio di carta forno e ricoprite interamente di fagioli o ceci secchi per la cottura in bianco.

Cuocete in forno caldo a 190° per circa 20 minuti. Sfornate la torta, togliete i legumi e la carta. Rimettete nuovamente in forno per altri 10/13 minuti alla medesima temperatura. I biscotti avranno una cottura attorno ai 15 minuti.

Fate raffreddare il “guscio” di frolla  e riempite con la farcitura. Livellate bene con l’aiuto di una spatola o del dorso di un cucchiaio. Per evitare che il composto si appiccichi al cucchiaio immergetelo di tanto in tanto in un bicchiere con acqua.
Infine applicate i biscotti sulla superficie della crostata.




12 commenti:

  1. davvero un bel connubio per una crostatina niente male davvero!
    bacione cara!

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Grazieee!!!!!!!!!!!!
      Un bacione Elena

      Elimina
  3. Rò,sono senza parole.Questa poesia della Dickinson non la conoscevo.Grazie per averla proposta e grazie per la bella ricetta.
    la classe non è acqua.
    Ti abbraccio forte
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia, piace anche a me.
      Sono sempre molto contenta quando passi a trovarmi!^_^
      Concordo, la classe non è acqua.
      Ti abbraccio forte anche io e buon Martedì

      Elimina
  4. Ciao Rò è sempre bellissimo venire qui e leggere le poesie che ricerchi..questa non la conoscevo. La tua crostata è deliziosa...adoro la frolla al cacao, anche a me piace usare il burro salato per le frolle....buonissima!
    Complimenti!
    Un bacio e buona giornata
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon pomeriggio Paola, sono contenta che le poesie in apertura dei post piacciano.
      Mi fa molto piacere ricevere le tue visite!^_^ e sapere di non essere l'unica ad apprezzare il burro salato nelle frolle!!!!!!!
      Grazie e buona giornata anche a te

      Elimina
  5. Quanto mi piace passare dal tuo blog, sia per leggere le frasi degli scrittori che scegli con accuratezza e sia perchè invidio in senso buono ovviamente) la tua maestria nell'usare ingredienti particolari! Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto ne sono contenta!!
      Ti ringrazio di essere una presenza costante nel mio blog!!
      Mille, mille grazie per il complimento, detto da te è un onore!
      Bacioni Luna

      Elimina
  6. La poesia e' magia!!!!
    E questa crostata e' favolosa con la frolla al cacao che è' tra le mie preferite :)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole veritiere le tue!!
      Splendido,sono molto contenta che la crostata sia di tuo gradimento!!
      Un abbraccio

      Elimina