sabato 6 aprile 2013

PAN DI RAMERINO


Si tratta di un pane tipicamente Pasquale, nato nel Medioevo, ma ancora molto diffuso nelle campagne attorno a Firenze. Soffice e dorato, ha un sapore al confine fra dolce e salato per la ricca aggiunta di uvetta.

INGREDIENTI

500 g di farina 00
20 g lievito di birra
100 g di uvetta
2 rametti di rosmarino
2 uova
5 cucchiai di olio evo
30 g di zucchero
10 g di sale

PROCEDIMENTO

Fate rinvenire l’uvetta in una ciotola di acqua tiepida. Sfogliate il rosmarino e tritatene finemente gli aghetti. Scaldate l’olio in un pentolino con il trito preparato. 

Setacciate la farina sulla spianatoia, formate la fontana e versate nel centro il lievito, stemperato in 2 decilitri abbondanti di acqua tiepida, lo zucchero e 1 uovo. Cominciate a intridere con la punta delle dita, poi unite il sale e impastate vigorosamente con i palmi delle mani per almeno un quarto d’ora.
Formate una palla, mettetela in una ciotola infarinata, copritela con un canovaccio inumidito e fatela lievitare per almeno 1 ora, finché non sarà raddoppiata di volume.

N.B.Io ho deciso di raddoppiare la lievitazione, ovvero ho prelevato la palla di pasta dalla ciotola trascorsa l’ora di riposo, l’ho nuovamente lavorata a mano per una decina di minuti  e l’ho rimessa nella ciotola a riposare.(Operazione che potete omettere) Ho seguito poi le indicazioni riportate dal libro.

A questo punto impastate ancora un poco con l’olio aromatico freddo e l’uvetta, ben scolata e asciugata, e lasciate lievitare di nuovo al coperto per un’oretta. (Inizialmente avrete difficoltà  nell’ inglobare l’olio e le uvette, poco per volta i due ingredienti verranno assimilati)

Sezionate dei panetti, rollateli sotto i palmi delle mani con movimenti circolari, in modo che assumano una forma rotonda, fateli riposare per una ventina di minuti, spennellateli con l’uovo rimasto, prima sbattuto, e incideteli con due tagli incrociati. Adagiateli su una teglia foderata con carta forno e cuoceteli nel forno preriscaldato a 180° per 20-30 minuti a seconda delle dimensioni. (Nel mio forno 25 minuti)

Ricetta e introduzione tratta dal libro “Il libro del pane” di Alessandra Meldolesi editore Ponte Alle Grazie



14 commenti:

  1. Caspita che delizia, come solo tu sai farne, sembra ottimo, solo a vedere la foto ho l'acquolina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, io non l'avevo mai provato e tra le tante ricette trovate nei libri ho scelto quella pubblicata.Era davvero buono.
      Baci

      Elimina
  2. belli e buoni!! è dal giovedì di pasqua che dico: domani li faccio! e .. domani li faccio!

    RispondiElimina
  3. Questo pane lo adoro con quel suo magnifico profumino... e che gusto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è talmente piaciuto che a breve lo preparerò di nuovo!!
      A presto

      Elimina
  4. Casa.Ecco.Profumo di casa.Questo mi hai portato con la tua ricetta.
    Grazie
    Ti abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono lieta cara Monica.
      Grazie a te della visita.
      Un grande abbraccio

      Elimina
  5. che bellezza questo pane:) io non lo conoscevo ma ne ho sentito parlare:9 mi piace davvero molto!!
    un bacio e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un po' che volevo prepararlo...merita davvero.
      Un abbraccio e buona giornata

      Elimina
  6. venuto perfettamente complimenti davvero e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie Elena, sempre gentilissima.
      Grazie e buona giornata anche a te!!

      Elimina