mercoledì 20 maggio 2015

PANE MARTINO ALLE NOCI


Il pane Martino è quasi un elogio dell’autunno, per la presenza delle noci. Forse nato per un intuito legato a tre elementi della madia di casa, il pane tondo (a volte segnato da una croce) ha probabili origini del nome tratte proprio dalla figura di San Martino e alla leggenda della sua generosità nei confronti di chi incontrava sulla sua strada di soldato a cavallo in viaggio dalla Provenza verso Roma.

Non ci sono documenti e quindi ci si richiama solo alla probabilità: forse il pane veniva offerto a chi transitava sulle vie che conducevano a Roma o, per cammino inverso, a Santiago in Spagna. La farina di castagne è sempre stata una risorsa per la Lunigiana storica.

Informazioni tratte dal sito web: Slow Food

INGREDIENTI

PER IL PRIMO IMPASTO

50 g di farina tipo 00 (io ho usato la kamut)
50 g di farina di castagne bio
30 g di lievito di birra (io ho usato il lievito madre secco)
100 ml di acqua tiepida

PER IL SECONDO IMPASTO

300 g di farina 00 (kamut)
200 g di farina di castagne bio
300 ml di acqua
1 cucchiaio di olio evo
sale q.b.
250 g di noci

PROCEDIMENTO

Impastate 50 g di farina 00 con 50 g di farina di castagne e il lievito di birra sciolto in 100 ml di acqua tiepida. (Se utilizzate il lievito madre secco potete omettere il passaggio e unire poi il suddetto alle farine e aggiungere l’acqua alle polveri)

Lavorate la pasta a lungo e lentamente, poi formate un panetto, incidetene la superficie a croce e lasciatelo lievitare per un paio di ore.(Io ho coperto il panetto con un canovaccio)
Aggiungete quindi la farina 00, la farina di castagne, l’acqua, l’olio e un po’ di sale. Lavorate l’impasto e incidete nuovamente la superficie del panetto, coprite con il canovaccio e lasciate lievitare per altre due ore.

Trascorso questo tempo impastate di nuovo il pane incorporandovi, con delicatezza, i gherigli di noce, dategli una forma ovale ed allungata e trasferitelo su una placca appena unta di olio e rivestita di carta forno.

Praticate dei mezzi buchi su tutta la superficie con l’indice della mano, quindi lasciate riposare ancora per 20 minuti prima di cuocere in forno a 180° per 40 minuti. Servite tiepido.

Io ho gustato questo pane da solo, in abbinamento a salumi e per colazione accompagnato dalla marmellata di ciliegie. Una combinazione deliziosa.

Ricetta tratta dal libro “La castagna. Fra tradizioni, leggende e gastronomia” di Andrea Zanfi Carlo Cambi editore

6 commenti:

  1. Mai conosciuto questo pane ma chissà come è gustoso, oltretutto anche bello da vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ti piace la farina di castagne devi assolutamente provarlo!

      Elimina
  2. Che bontà questo pane, una vera ghiottoneria!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, davvero goloso e semplice da preparare.

      Elimina
  3. mai sentito, molto particolare, sento un profumino delizioso, da provare!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, te lo consiglio vivamente.

      Elimina